Come evitare le fughe di gas in casa

Come evitare le fughe di gas in casa

Come evitare le fughe di gas in casa

Anche recenti fatti di cronaca, oltre a fatti più remoti, portano in evidenza il problema della fuga di gas nelle case, spesso provocate da una certa incuria delle persone. Esistono norme di legge che tendono ad incrementare la sicurezza in questo senso ma se non vengono osservate  nelle case private, è assolutamente inutile che esistano e non è pensabile per diversi motivi la messa in atto di controlli a tappeto nelle case degli italiani. Peraltro non avrebbero nemmeno motivo di esistere controlli se ciascuno considerasse che un comportamento omissivo delle norme di sicurezza ricade sulla propria sicurezza, dei propri familiari e di terze persone che si trovano inconsapevolmente e ingiustificatamente in condizione di rischio. In ogni casa in pratica, si trova un impianto di gas metano o, laddove questo non arriva o per scelta personale, una bombola di gas GPL. Il gas viene certamente utilizzato per la cottura dei cibi ma anche per il riscaldamento e la produzione di acqua calda attraverso caldaie a gas. Ogni impianto, di qualsiasi tipo sia, può presentare difetti e problemi che generano una fuga di gas.

Una fuga di gas espone al rischio, se si limita a questo, di incendio ma frequentemente anche di esplosioni o di intossicazioni che possono essere anche mortali. Le cause più frequenti delle fughe di gas sono certamente legate a problemi alle canne fumarie che possono essere ostruite, l’insufficiente aerazione dei locali dove sono installati gli apparecchi a gas o difetti e guasti a fornelli, caldaie, impianti ma anche la scarsa manutenzione delle caldaie. Per questo motivo la legge prescrive la manutenzione periodica della caldaia e la sostituzione periodica dei tubi che collegano l’erogazione del gas all’utenza.  Il pericolo si incrementa nei mesi invernali, quando l’utilizzo del gas ha un’impennata per ovvi motivi climatici ma anche perché le finestre restano perlopiù chiuse per mantenere il calore nell’ambiente, riducendo notevolmente la ventilazione.

Come prevenire le fughe di gas

Il gas è di per se inodore, una fuga non si evidenzierebbe con l’olfatto se la legge non ponesse l’obbligo di addizionare al gas un odorante che lo rende ben evidente in caso di fuga ma bisogna pure mettere in evidenza un altro pericolo che è rappresentato da un gas inodore che si genera nella combustione di qualsiasi elemento organico, il monossido di carbonio, notevolmente velenoso e insidioso perché non si sente, responsabile ogni anno della morte di molte persone che, soprattutto nel sonno, non si rendono conto della sua presenza ed azione, perdendo la vita senza nemmeno accorgersene. L’impianto del gas deve essere realizzato da un installatore autorizzato che lo deve realizzare secondo tutte le norme di sicurezza ma poi gli utilizzatori lo devono usare correttamente e con prudenza. La prima cosa da fare è accertarsi periodicamente che la canna fumaria svolga bene la sua funzione e poi chiudere il rubinetto del gas ogni qualvolta non lo si utilizzi. Non utilizzare mai le tubazioni del gas come messa a terra perché questo è un fatto che aumenta esponenzialmente il rischio di esplosioni.

Aerare sempre adeguatamente i locali e soprattutto sostituire periodicamente il tubo di collegamento all’impianto del gas; tali tubi riportano stampigliata una data di scadenza, superata la quale non è più garantita la sicurezza per il deterioramento del materiale e per l’aumento della porosità dello stesso che potrebbe causare la diffusione del gas nell’ambiente. Naturalmente il controllo e manutenzione della caldaia è un obbligo non solo di legge ma per la sicurezza personale. E’ bene che i fornelli siano dotati di valvole di blocco automatico in modo da fermare la fuoriuscita del gas in caso di spegnimento del fuoco. La tecnologia viene in aiuto con i rilevatori di gas che generano un allarme sonoro in caso di fuga di gas. Questi spesso sono collegabili all’impianto di allarme antifurto, avvertendo sul telefonino nel caso che questo avvenga, consentendo un intervento tempestivo che evita danni.

 

admin

Lascia un commento